Programma del Corso di Tecniche audio per il live

Programma del corso di Tecniche Audio Live

Il Live è un capitolo interessante nella carriera musicale di un tecnico. Sul campo si impara a fare bene o, in mancanza di tempo, in fretta. Sul campo si impara a cavarsela o, come direbbero gli inglesi, problem solving. Sul campo si impara a lavorare in gruppo, adattarsi alle caratteristiche acustiche della sala, il rispetto verso i musicisti ed aspettare che smetta di piovere se no qualcuno ci resta fulminato.

Durante le lezioni si affronteranno i seguenti argomenti, soffermandosi a discrezione degli interessi degli allievi.

fisica del suono: i principi fondamentali

  • definizione di suono e unità di misura ad esso correlate
  • il funzionamento logaritmico delle grandezze riferite al suono
  • l’apparato uditivo (cenni di fisiologia)
  • le curve isofoniche di Fletcher e Mudson
  • caratteristiche dei campi acustici in cui ci si trova ad operare nella pratica musicale (cenni)
  • il sistema temperato Bachiano (cenni)
  • il teorema di Fourier (cenni)
  • teoria delle armoniche (cenni)
  • le forme d’onda: i timbri delle principali forme d’onda nella sintesi del suono e parallelismi con gli strumenti acustici
  • il rapporto S/N
  • la distorsione (THD, intermodulazione, fase)
  • l’impedenza Z ()
  • tensione e corrente (V)

in breve…

i componenti di un impianto

  • il palco (sorgenti (microfoni, strumenti elettronici a iniezione diretta), casse spia, mixer di palco)
  • i cavi
  • il mixer
  • l’outboard
  • lo stadio finale
  • i diffusori

tecniche di amplificazione: i diffusori acustici

  • cos’è un diffusore acustico (la cassa)
  • lo standard costruttivo a bobina mobile per i woofer (come è fatto un diffusore)
  • lo standard costruttivo a bobina mobile per i tweeter
  • il posizionamento ragionato dei diffusori in un ambiente chiuso
  • cenni sui filtri di crossover
  • tipologie di collegamento per diffusori (parallelo, serie, composito)

tecniche di ripresa ed amplificazione: tipologie di microfoni

  • il problema della trasduzione

i parametri identificativi di un microfono

  • sensibilità
  • risposta in frequenza
  • direttività
  • self noise
  • THD
  • risposta ai transitori
  • Z

i microfoni classificati in base alla direttività

  • omnidirezionali
  • cardioidi
  • ipercardioidi

i microfoni classificati a seconda delle caratteristiche costruttive

  • i piezoelettrici
  • i microfoni a carbone
  • i microfoni magnetodinamici a nastro
  • i microfoni magnetodinamici a bobina mobile
  • i microfoni a condensatore (classici, electret e back electret, a radiofrequenza)
  • leggere il data sheet (risposta in frequenza, diagramma polare e THD)
  • l’alimentazione Phantom (+48V)

tecniche di ripresa ed amplificazione: il posizionamento dei microfoni

  • chi microfonare in live?
  • l’effetto Larsen ed i sistemi correttivi
  • il posizionamento per la ripresa in studio
  • l’effetto prossimità
  • configurazioni di ripresa stereofoniche classiche (distanziati, XY, Blumlein, M/S, NOS, ORTF)
  • microfonazione dei principali strumenti acustici ed elettrici (DI box, ottoni, chitarra acustica ed elettrica, basso elettrico, batteria (BD, SD, OH, HH, Tom, FT), archi (violino, viola e contrabbasso), voce e cori, sax)

tecniche di amplificazione: i cablaggi: le prassi nel live

  • connettori e cavi di segnale standard
  • connettori e cavi di potenza standard
  • come si stendono i cavi?

tecniche di amplificazione: il mixer

  • tipologie storiche (split e inline)
  • il mixer nel live
  • uso di bus, aux e group

tecniche di amplificazione: l’outboard

  • i processori di dinamica (compressore ed expander)
  • l’equalizzatore (parametrici, grafici)
  • l’equalizzazione per il palco e per la sala
  • i processori di segnale nel tempo (riverberi e delay)

tecniche di amplificazione: l’amplificatore di potenza

l’amplificatore finale: funzionamento e caratteristiche costruttive

  • risposta in frequenza
  • impedenza d’ingresso
  • tensione d’ingresso (sensibilità)
  • tensione d’uscita (capacità d’accoppiamento)
  • fattore di smorzamento (damping)
  • potenza d’uscita (RMS, IHF, Peak)
  • fattore di cresta
  • rapporto d’impatto sulla resa finale tra amplificatore e casse acustiche
  • i modi di funzionamento standard (stereo, parallel, bridge)
  • dove si piazzano gli amplificatori durante un concerto?

l’amplificatore finale classificato in base alla tipologia costruttiva

  • valvolari
  • stato solido
  • operazionali
  • integrati

l’amplificatore finale classificato in base alla classe commerciale di funzionamento

  • classe A
  • classe AB
  • classe C
  • classe D (digitali)

in caso avanzasse tempo…

  • i rumori più comuni in un sistema audio (50Hz elettromagnetico, 50Hz dimmer luci, 100 Hz alimentazioni, interferenze da emissioni radio o di prossimità tra apparecchi) ed eventuali soluzioni pratiche
  • altro che possiamo concordare insieme
    Meyer Line Arrays
    Meyer Line Arrays, utilizzati per tour di carattere mondiale
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...