Programma del Corso di Tecniche di mix

Per tecniche di mix si intende tutto il compendio di argomenti che riguardano la gestione e manipolazione creativa di un insieme di suoni al fine di creare un’opera univoca. Oltre all’uso consapevole del mixer, fisico o virtuale, il corso propone allacciamenti approfonditi con argomenti paralleli ma altrettanto centrali nella riuscita di un brano quali controllo della gamma dinamica ed equalizzazione, uso dei processori di tempo, massimizzazione, conversione AD/DA, percorso del segnale, microfonazione, acustica applicata e correzione ambientale pratica e tutta una variegata quantità di nozioni definibili “filosofia di mix”. Tramite ascolti scelti ed analisi tecnica dei risultati, e tramite inoltre una serie di esercizi su mix via via più complessi e delicati l’allievo assume consapevolezza pratica e metodologia lavorativa, oltre che tutta una nuova serie di “armi creative” che questo tipo di strumenti mettono a disposizione.

PROGRAMMA CORSO TECNICHE DI MIX

Tecniche di mix:

  • outboard per il controllo della gamma dinamica (argomento veramente importante): si analizzeranno i processi di funzionamento intimi delle macchine di controllo della gamma dinamica ed in seguito si procederà allo studio delle applicazioni in ambito musicale al fine di ottenere le volute rese psicoacustiche. Si parlerà approfonditamente della Loudness War e delle sue conseguenze musicali, economiche e sociali
  • equalizzatori: si parlerà approfonditamente del filtro (per coloro che non l’hanno già affrontato nel corso di sintesi o in propri percorsi personali) e dell’equalizzatore. In seguito si procederà allo studio dei modelli di utilizzo dell’equalizzazione in funzione del risultato musicale ricercato
  • processori di segnale nel tempo: capitolo riguardante i processori di ritardo come delay e riverberi. Si approfondiranno le conseguenze musicali e produttive di tali strumenti con particolare attenzione al processore di riverbero (tradizionale o a convoluzione)
  • la DAW: cos’è e come si usa. Il percorso del segnale in un ambiente virtuale. Caratteristiche produttive e creative della Digital Audio Workstation, partner imprescindibile di ciascun tecnico da studio
  • “filosofia di mix”: questo è un capitolo fumoso che non possiede un vero e proprio spazio dedicato ma si articola a ridosso degli argomenti precedenti. Ognuno di essi infatti si presta ad osservazioni e consigli il cui insieme completa la trattazione tecnica la quale, non bisogna dimenticare, soggiace al risultato artistico 

Acustica applicata

  • acustica delle sale: il comportamento del suono al chiuso. Capirlo per sfruttarlo invece di subirne passivamente le conseguenze
  • le quattro regioni di frequenze ed i rapporti della sala con esse (comportamento modale, comportamento statistico, comportamento puntuale)
  • correzione acustica dello studio: metodi pratici per comprendere come si comporta ed eventualmente correggere il proprio studio/sala di regia 

Tecniche microfoniche

i microfoni classificati in base alla direttività

  • omnidirezionali
  • cardioidi
  • ipercardioidi

i microfoni classificati a seconda delle caratteristiche costruttive

  • i piezoelettrici
  • i microfoni a carbone
  • i microfoni magnetodinamici a nastro
  • i microfoni magnetodinamici a bobina mobile
  • i microfoni a condensatore (classici, electret e back electret, a radiofrequenza)
  • leggere il data sheet (risposta in frequenza, diagramma polare e THD)
  • l’alimentazione Phantom (+48V)
  • microfonare in studio: scegliere ed utilizzare i microfoni in ambiente protetto e controllato
  • il posizionamento per la ripresa in studio
  • l’effetto prossimità
  • configurazioni di ripresa stereofoniche classiche (distanziati, XY, Blumlein, M/S, NOS, ORTF)
  • microfonazione dei principali strumenti acustici ed elettrici (DI box, ottoni, chitarra acustica ed elettrica, basso elettrico, batteria (BD, SD, OH, HH, Tom, FT), archi (violino, viola e contrabbasso), voce e cori, sax)

La conversione AD/DA

  • logiche dei convertitori AD/DA e conseguenti scelte tecniche

Logic Pro:

  • panoramica della piattaforma e potenzialità
  • l’Arrange
  • il Mixer
  • l’Environment
  • il Bin

Ableton Live:

  • panoramica della piattaforma
  • sezione clip
  • sezione sequencer
  • tracce audio e Midi
  • logica dell’uso dei VST e percorso del segnale
  • pregi e difetti della piattaforma
  • paragoni con altre piattaforme concorrenti e panoramica delle piattaforme sul mercato pro e consumer (Steinberg Cubase, Digidesign Pro-Tools LE ed HD, Logic Pro, Cakewalk Sonar, Sadie)
  • due parole sul programma di sintesi Propellerhead Reason

MIDI:

  • il protocollo MIDI
  • collegamenti hardware
  • MIDI manager e OMS
  • differenze tra ambiente Windows ed ambiente Mac-OSx—
    Calrec UA-8000 Polar
    Calrec UA-8000 Polar, consolle di mixaggio decisamente hi-end

     

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...